Ale sta piangendo

come dicevo in un post precedente Ale sta prendendo la scuola sottogamba, vuole fare il bello e il cattivo tempo, si dimentica il materiale e i compiti, e accampa scuse allucinanti; sono già arrivate tre note, e nonostante io lo abbia aiutato è tutto inutile

per lui i promemoria che gli ho preparato sono carta straccia, rispedisce al mittente tutti i miei consigli e non c’è verso di fargli capire che sta sbagliando, gli ho anche suggerito di usare il gruppo WhatsApp della classe per chiedere conferma dei compiti come fanno i compagni

ma lui non si abbassa neanche a questo, tanto lui sa, lui è bravo, i voti sono belli e va bene così

non vi nascondo che mi vergogno e non poco se penso che, poco tempo fa, io e la sua terapista ci siamo presentate a scuola chiedendo accelerazioni e compiti ad hoc

e lui cosa fa? non porta rispetto ne ai professori ne ai compagni; settimana prossima ho i colloqui con i docenti e preferirei scappare piuttosto di presentarmi, credetemi

oggi ad esempio aveva parecchi compiti da fare ma io dovevo portare Ele dal dentista, siamo partiti alle 15:00 e siamo rientrati dopo le 18:00

lui al rientro si è ricordato che aveva dai compiti da finire, ma io dico, poteva prenderseli e farli mentre aspettavamo la sorella visto che ci siamo fermati almeno 45  minuti nello studio dentistico, oppure poteva portarsi avanti visto che i compiti non erano stati assegnati oggi per domani

ma la ciliegina sulla torta l’abbiamo avuta dopo cena

ad un tratto Ale si ricorda che doveva fare 4 disegni di tecnica, due per ogni foglio, apriti o cielo, vuole farli in salotto ma gli diciamo che noi vogliamo guardare un po’ di tv così lui decide di andare in camera sua

urla, pianti, stanchezza, fogli che venivano lanciati fuori dalla porta perché bagnati dalle lacrime e secondo lui non più utilizzabili

l’abbiamo lasciato sfogare ma, sopratutto, l’abbiamo lasciato cuocere nel suo brodo

sia chiaro mi spiace un sacco che si sia ritrovato alle 20.00, dopo una giornata di scuola e di spostamenti vari, a dover finire i compiti ma sono stanca, anzi siamo perché anche mio marito mi aiuta nella sua gestione, di dovergli continuamente ricordare le cose

sono stanca che tutte le strategie per ottimizzare i tempi e per ricordarsi quello che deve fare siano rispedite al mittente perché non degne della sua attenzione

ma sopratutto sono stanca che lui non escogiti nessuna strategia alternativa per tappare i buchi della sua malorganizzazione

è ora che il signorino ci picchi la faccia, anzi spero proprio che prenda una craniata talmente forte da sentire il rimbombo fino a giugno perché non può continuare a fare il lavativo e a sentirsi superiore anche nei confronti dei professori

e poi io vado a chiedere le accelerazioni, è certo perché con il suo comportamento sono tutti lì pronti a venirci incontro e a farsi il mazzo

non aggiungo altro perché mi vengono solo parolacce

 

 

4 Commenti

  1. Anonimo

    Che fatica! Anche noi sulla stessa barca…D. sta prendendo ottimi voti in matematica e scienze e vuole fare tutto da solo…io gli sto dando fiducia, sia perchè la chiede lui, sia perchè onestamente non riesco a stare dietro a tutto. Siamo riusciti a raggiungere l'obiettivo della preparazione dello zaino in autonomia prima di andare a dormire, ma ovviamente dimentica anche lui…e arrivano le note dell'insegnante di italiano "D. ha dimenticato il libro, D. ha dimenticato di consegnare la scheda di ortografia ecc."…ieri doveva andare a karate e nella sua borsa non ho trovato nè karategi nè cintura…li aveva dimenticati nello spogliatoio venerdì scorso…è uscito senza giacca e senza felpa dimenticandoli a casa…ed è tornato dalla palestra senza calzini!!!! Pare siano misteriosamente scomparsi nello spogliatoio…Dobbiamo rimetterlo in riga, armati di santa pazienza! Noi comunque non abbiamo chiesto accelerazioni, finirebbero per stressarlo ulteriormente. Sta in prima media ed è già un mondo tutto nuovo e pieno di impegni. Basta così! Flo

    Risposta
  2. mammaplusdotata

    Lui invece le accelerazioni le chiede da tempo, in classe si annoia e vuole approfondire

    Risposta
  3. Anonimo

    Allora se le ha chieste lui fate bene a pretendere. Mio figlio invece è ben lontano dal chiedere accelerazioni. E' un pigro cronico! Però devo dire che gli insegnanti che ha quest'anno alle medie non lo fanno annoiare affatto in classe, anzi…ci sono attività che lui ritiene noiose e inutili (tipo le traduzioni di inglese o l'analisi grammaticale!), ma che comunque deve fare. Devo dire che è maturato molto quest'anno. Magari si lamenta, mugugna, ma si impegna per fare.I disegni di tecnica sono un tasto dolente anche per lui, però anche in questo caso mi ha sorpreso…in passato di fronte a un minimo errore nel disegno avrebbe strappato tutto in mille pezzi, invece ora cancella, rifà…lo vedo più motivato in generale. Comunque secondo me il problema dei troppi compiti a casa è generale. Ci vorrebbe una scuola che fa fare più compiti in classe e li lasciasse più liberi a casa…l'insegnante di matematica usa il metodo della classe capovolta. Ecco l'ideale sarebbe che tutti gli insegnante usassero lo stesso metodo. I ragazzi (non solo plusdotati, ma tutti!), in classe sarebbero più motivati, si annoierebbero meno e non avrebbero tutte queste crisi a casa… e noi genitori saremmo meno stressati 🙂

    Risposta
  4. mammaplusdotata

    Concordo assolutamente con quanto dici se la scuola fosse impostata in maniera diversa tutti ne trarrebbero beneficio. Anche Ale quest'anno non fa scenate se sbaglia e anche lui odia l'analisi grammaticale, ma se è da fare la fa anche brontolando, penso che sia una grande passo per loro accettare di fare anche quello che non gli piace; detto questo sui compiti a casa non posso assolutamente dire nulla perché oggettivamente non e ha molti, alcuni giorni ne ha veramente pochi e si porta avanti

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.