Qui e ora, ovvero siamo sicuri che sia plusdotato?

Ebbene si, parecchie volte la domanda che sia o no plusdotato me la sono fatta e me la faccio ancora, il “qui ed ora” nonostante abbia 11 anni non esiste.

Ovviamente sto parlando di Ale, Ele è diversa, sempre sul pezzo, ma si sa le femmine apc sono completamente diverse, si uniformano di più, danno meno problemi rispetto ai maschi, infatti se guardiamo tutte le associazioni italiane che si occupano di questa realtà notiamo che sono formate principalmente da maschi e le femmine sono davvero poche unità

Ma torniamo ad Ale, 11 anni solo perchè c’è posto gli dico sempre, ha la testa tra le nuvole perennemente, e questo è mooolto pesante

Ad esempio l’altra settimana doveva prendere l’antibiotico, a 11 anni bello mio te lo pigli da solo, ti metto acqua e bustina e ti arrangi, era di fronte a me e mentre lo preparava inizia a parlare della velocità della luce, che io dico con la febbre a 39 e un mal di testa che ti fa piangere tu pensi alla velocità della luce??????????

ovviamente si, e mentre ne parlava rovescia tutto l’antibiotico sulla tovaglia, e lì non ci ho più visto e gli ho letteralmente urlato :” Ale svegliati qui e ora”

lo so ho sbagliato, sono una mamma poco sensibile ma avere entrambi malati e dover andare pure al lavoro non è affatto facile

davvero io mi chiedo quando crescerà, ha sempre la testa da un’altra parte, non guarda dove mette i piedi e si inciampa in ogni dove, gli chiedi di fare qualcosa e lui ti guarda come se dovesse decifrare chissà quale codice alieno e poi si siede sul divano, e tu lo guardi come per dirgli :” ma ci sei o ci fai?”

e gli ripeti per l’ennesima volta quello che gli hai chiesto, e tu lo sai che lo ha capito ma il furbo spera che tu ti arrenda sconsolata e lo lasci pensare all’universo e a chissà quale altro argomento

ok ha problemi con la memoria di lavoro per cui non puoi dargli più comandi contemporaneamente, e allora impari a dirgli una cosa per volta ma adesso che gli dico una cosa per volta che problema c’è? Interferisco con i suoi pensieri?

si si ridete pure ma io in preda alla disperazione più totale ho alzato la cornetta e ho chiamato davvero la specialista che lo ha valutato e senza tanti giri di parole, tanto ormai la povera donna è di casa, le ho chiesto se si era sbagliata, perchè non può essere che lui sia davvero apc e che non sia in questo universo, che sia sempre con la testa chissà dove, che per lui nulla è importante, un menefreghismo cosmico

lei si è messa a ridere, che simpatica, e mi ha detto che Ale è un plusdotato da manuale……. va che cul…..

ok però io adesso vorrei quel manuale per gestirlo, perchè vorrei un figlio un pelino più indipendente, sul pezzo e sul “qui e ora” e non sulla variabile temporale di Marte quando ha l’ascendente in capricorno

 

4 Commenti

  1. Chiara mamma Leo

    “Vai in bagno” esce dalla porta e svolta dalla parte opposta. Lo ritrovo in salotto.
    “Mettiti il pigiama” e dopo mezz’ora è lí che gira beato in mutande. Oppure l’ha indossato ovviamente al contrario.
    Ha le scarpe addosso, ma apre la scarpiera e ne prende un altro paio quando gli dico di prepararsi per uscire.
    Una volta la maestra ci ha chiamato perché lui non riconosceva più il suo giubbino e sosteneva fosse di qualcun altro.
    Cosa succede a scuola? Non ricorda. Cosa c’è di compito? Mistero.
    Materiale scolastico quotidianamente sparito nel nulla? Perso il conto.
    Facesse da solo la cartella prenderebbe note di dimenticanza ogni santo giorno.
    Quando andiamo in giro devo tirarlo per la manica per evitare finisca sotto le macchine. Non riconosce le strade e non sa andare da solo da nessuna parte senza perdersi, perché è troppo impegnato a pensare per prestare attenzione agli itinerari.
    Quando va in bici bisogna ricordargli di pedalare, altrimenti smette.
    E via di questo passo.
    Anche noi lo stesso vostro manuale?

    Risposta
  2. Chiara Gifted (Autore Post)

    Uguale identico, potrei aver scritto io il tuo commento, Ale è come Leo, devo dire che adesso con l’età e con taaanta pazienza un filo è migliorato ma io in bici con lui mi rifiuto di andare mi mette ansia non riesco, e poi adesso che fa le medie un filo di autonomia sul materiale la richiedo, ma siamo arrivati a 5 note prese per dimenticanze e per invenzioni di storie assurde come giustificazioni….no comment….

    Per me è logorante vederlo così perso, mi chiedo come farà tra qualche anno quando dovrà prendere l’autobus per andare alle superiori, sono seriamente preoccupata

    Risposta
    1. Chiara mamma Leo

      …. salvo poi ovviamente ricordarsi perfettamente a memoria nomi e caratteristiche di tutte le 432.578 carte di Clash Royale, piuttosto che di un altro videogioco del momento (e volertele snocciolare una dopo l’altra nei momenti meno opportuni in assoluto)!
      Scherzi a parte, il mio tono è stato ironico perché anche il tuo articolo mi ha fatto sorridere… ma qualche giorno arrivare a sera senza avere un diavolo per capello è davvero difficile.
      E soprattutto la preoccupazione per il futuro è tanta…. Leo vive davvero su un altro pianeta per buona parte della giornata… =(

      Risposta
      1. Chiara Gifted (Autore Post)

        Chiara ti capisco pienamente, ho volutamente scritto in tono ironico per sdrammatizzare; ma la preoccupazione è tanta, ti abbraccio

        Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.