Human Ingenium

Sabato mattina, sono stata invitata dall’Avvocato Ermelinda Maulucci, alla conferenza della nuovissima associazione Human Ingenium.

Human Ingenium è stata fondata dalla Dott.ssa Mormando, dal Dott. Paolo Bianchi, dalla Professoressa Clara Stoppino e dalla Dott.ssa Luisa de Ponti,

per portare a conoscenza tutti i talenti non valutabili,

come il talento artistico, il pensiero creativo ed intuitivo;

purtroppo, fino ad oggi in Italia questi talenti , salvo quelli eclatanti, non venivano riconosciuti, venivano ignorati e non valorizzati.

Il tema della conferenza era “ I talenti non misurabili e i talenti degli adulti”.

Ma entriamo subito nel vivo,

come si può valutare un talento artistico? E uno musicale?

L’arte in tutte le sue forme non è classificabile o catalogabile ma è un’importante mezzo espressivo per comunicare con il prossimo e va valorizzata, sostenuta e stimolata.

Come fare per stimolare la vena creativa dei nostri ragazzi?

La scuola, si sa, cerca sempre di incasellare, di inquadrare gli alunni, i guizzi, la fantasia e l’originalità purtroppo non sono premiati,

i ragazzi non vengono stimolati a proporre un progetto,

a seguire il proprio pensiero ma tutti devono fare lo stesso identico lavoro,

lo stesso identico disegno con gli stessi colori e così facendo la creatività del bambino viene prosciugata,

loro iniziano a sentirsi sbagliati perché per lo stesso compito, loro avrebbero disegnato altro.

E sentendo queste parole ho pensato subito ad Ele, lei che adora disegnare ma che odia farlo a scuola,

che per farle finire un disegno assegnato bisogna sudare sette camicie e pregare ogni santo del paradiso,

appena finisce, prende il suo album e disegna, inventa storie fino a sera,

ultimamente non ama colorare e lascia i suoi disegni così, liberi di essere immaginati da chi li guarda.

Personalmente ho trovato molto interessante, oltre ovviamente all’intervento della Dott.ssa Mormando,

anche l’intervento dell’Avvocato Maulucci che ha conferito un master sulla plusdotazione in America e che ho riportato l’approccio americano alla creatività,

e lo stimolo scolastico costante che avviene oltre oceano, si insegna all’alunno a pensare e non a cosa pensare,

fin dai primi anni di scuola si rispetta la creatività di ognuno, valorizzando i punti di forza.

Sono rimasta affascinata dall’esibizione del giovane pianista Edwin De Nicolò,

un ragazzino della stessa età di Ale, che ci ha fatto restare tutti senza parole, un talento immenso .

Un altro intervento che ho apprezzato molto è stato quello della Professoressa Clara Stoppino,

socia fondatrice di Human Ingenium,

che ha portato il suo pensiero riguardo al mondo scolastico che tanto conosce, essendo professoressa di Latino.

Interessante sentire che tutte le persone che hanno trovato il loro talento in età adulta abbiano spesso riferito problemi con la chiusura mentale trovata a scuola

che, purtroppo, ha influenzato la loro vita e le loro scelte per poi,

scoprirsi in età adulta mancanti di una parte fondamentale del proprio essere.

Rimettersi in gioco ” da grandi” non è affatto facile eppure, sabato, molti adulti erano presenti per testimoniare la loro rivincita,

la loro rinascita, il loro riscoprirsi dopo tanti anni e la loro voglia di ripartire dalle loro passioni.

Un bellissimo messaggio sia per noi adulti che per i più piccoli, inseguire un sogno e realizzarlo, ripartire da noi,

fermaci ad ascoltare il nostro cuore e riscoprire passioni che si pensavano perse e che magari, per troppo tempo, sono state accantonate

da questa vita sempre troppo frenetica.

2 Commenti

  1. federica mormando

    Grazie per la precisa e simpatica relazione! I talenti non misurabili, sono però intuibili e anche “scopribili”….da qualcuno ovviament ein grado di farlo….

    Risposta
    1. Chiara Gifted (Autore Post)

      La ringrazio Dott.ssa Mormando per l’intervento, speriamo di divulgare il più possibile questi messaggi per poter avere più persone in grado di scoprire questi talenti

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *