Il bisogno di razionalizzare

Come vi avevo anticipato questo periodo per noi è molto intenso e pesate e per me razionalizzare è l’unico modo per stare a galla.

E questo mi ha fatto pensare a come Ale ed Ele gestiscono le emozioni.

Quando sono sopraffatti hanno bisogno di razionalizzare,

hanno bisogno di capire cosa sta succedendo, di analizzarlo tenendo un certo distacco.

E così mi ritrovo a fare da ” voce fuori campo” per aiutarli a inquadrare e gestire il turbinio che li travolge.

E così una domenica mattina ho rischiato di farmi travolgere dalle emozioni,

travolta da qualcosa che non voglio gestire, che mi fa paura, che mi blocca

le vedo lì, di fronte a me,

tutte le emozioni allineate che mi aspettano,

so che dovrò attraversarle ma per ora sono ferma dall’altra parte del baratro

spaventata e confusa,

sto analizzando la situazione,

sto gestendo le notizie negative con distacco perchè la paura mi blocca.

Mio padre ha l’Alzheimer e questa parola mi fa mancare la terra sotto i piedi,

so cosa succederà, so cosa mi aspetterà ma non so se sarò abbastanza forte per affrontarlo

l’istinto di prendere e scappare lontano c’è e ammetto di averlo pensato per un attimo,

ma l’attimo successivo ero lì vicino a lui per parlargli e tranquillizzarlo.

La domanda che mi faccio spesso è:” quanto tempo avremo ancora a disposizione? quanto tempo trascorrerà prima che lui non mi riconosca più?”

Queste domande mi terrorizzano, mi fanno mancare il fiato

e inevitabilmente il mio pensiero va ad Ale e ad Ele, a come si sentono quando vengono travolti dalle emozioni,

a quanto sentono queste emozioni e come riescono a gestirle.

In questo periodo vorrei spegnere tutto e non essere obbligata ad affrontare nulla e invece la vita mi obbliga ad alzare la testa e a gestire anche questo,

anche questo in mezzo ad altri problemi da gestire ed affrontare, anche questo che mi ostino a non voler gestire a voler vivere con distacco a cercare di non farmi travolgere dall’ennesima notizia negativa sul suo stato di salute.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.