La consapevolezza dopo la valutazione

Mi ricordo perfettamente quando ho scattato questa foto,

eravamo a Roma il giorno prima della valutazione,

era l’ultimo giorno di incertezze, di dubbi, di sguardi indagatori.

Quel pomeriggio Ele era distrutta ed Ale si era offerto di portarla a spalle per aiutarla.

Ogni tanto riguardo questa foto e ripenso a quel pomeriggio, a quante cose siano cambiate da allora,

a quanta strada abbiamo fatto e a quanta ne manchi ancora.

Ale da allora è più consapevole, più attento, ogni giorno scopre una caratteristica nuova,

è come se la valutazione avesse dato un senso al suo “mondo” e l’avesse aiutato ad accettare quello che sente e vive.

Ha iniziato a capire quali rumori gli danni fastidio, cosa lo fa innervosire e cosa lo fa rilassare,

ha capito che la comprensione letterale è il suo tallone d’Achille,

ha capito che lo sport per lui è una valvola di sfogo molto importante,

ha capito che studiare chimica lo rilassa e da un senso alla scuola che frequenta,

ha capito che ama ascoltare la musica su vinile perchè il suono è più ” puro” e adora sentire le vibrazioni,

capisce quando esagera, chiede scusa, cerca di correggersi;

non mi sarei mai aspettata una tale consapevolezza e una voglia di scoprirsi così profonda in un ragazzino di 14 anni

eppure ogni giorno che passa questa consapevolezza lo aiuta a rilassarsi,

ad accettarsi,

a capire il perchè dei suoi comportamenti,

sta facendo tutto da solo e la sera, quando torno a casa dal lavoro,

trovo un ragazzino con il sorriso che si autogestisce in maniera egregia e che ha ben chiaro i suoi obbiettivi.

E’ stato eletto rappresentante di classe e sta diventando un punto di riferimento per i compagni,

ha un compagno con cui sta iniziando un rapporto di amicizia e con cui si trova anche fuori da scuola.

Sono andata a parlare con la referente e ho chiesto a lui cosa dovevo dire,

mi ha elencato le sue criticità e mi ha chiesto di chiedere ai professori se può richiedere dei colloqui privati se ne dovesse sentire l’esigenza.

A volte ha ancora dei momenti di criticità e sappiamo entrambi che ci saranno sempre,

perchè la vita è così per tutti,

ognuno di noi attraversa periodi difficili ma adesso lo guardo e so che riuscirà a gestirli con le sue risorse,

con qualche soluzione alternativa ed originale che solo lui potrà pensare ma ci riuscirà,

so che il rapporto con sua sorella è profondo e che si capiscono con uno sguardo

e spero che questa complicità non svanisca con l’adolescenza.

Le valutazioni sono fondamentali ma è altrettanto fondamentale informare i nostri ragazzi per aiutarli a capirsi e ad innescare in loro la consapevolezza.

 

 

 

4 Commenti

  1. Elisabetta

    Ho appena letto ad alta voce il tuo scritto con mio figlio di 21 anni, che venerdì scorso grazie anche a te ha avuto anche lui la valutazione… è Asperger!Da adesso comincerà una nuova vita come se fosse nato una seconda volta!
    Elisabetta

    Risposta
    1. Chiara Gifted (Autore Post)

      Elisabetta, le tue parole mi hanno commossa, sono contenta che finalmente tuo figlio abbia scoperto questa parte di lui, un abbraccio a entrambi.

      Risposta
  2. walter

    Salve mi chiamo walter taballione mio figlio da una relazione medica specialistica è stato valutato plusdotato. Noi volevamo fargli fare il salto di classe dalla seconda alla terza elementare. Ho letto in questo blog che è stato possibile anche in corso di anno scolastico. Cosa occorre per farlo in corso di anno e quale legge è applicabile? Grazie Mille
    walter

    Risposta
    1. Chiara Gifted (Autore Post)

      Buonasera Walter, a gennaio avevamo chiesto un appuntamento con la dirigente e per chiedere il salto classe con ritiro, come da legge, entro il 15 marzo per poi procedere con l’homeschooling e l’esame di ammissione a giugno ma, la nostra dirigente ci ha proposto un salto classe in corso d’anno, purtroppo non so dirti la normativa che ha permesso questa procedura e non posso chiedere alla dirigente perchè quest’estate è andata in pensione e non ho modo di contattarla.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.